Prueba de nivelación de Italiano

Bienvenido a la Prueba de Nivelación de Italiano de Italian Virtual School.

Primero tómese su tiempo para hacer esta prueba. Antes de comenzar, tenga una visión general del mismo. Preste atención a las instrucciones y omita los ejercicios que no puede hacer. En caso de pasajes, léalos una vez para obtener una idea general, luego vuelva a leerlos analíticamente.

Usted recibirá un feedback durante su Clase de prueba de italiano.

 

Prueba de nivelación de Italiano

* * *

1) Prueba de nivelación de Italiano - Dai un nome agli oggetti

Test de nivelación del italianoTest de nivelación del italianoTest de nivelación del italiano
Test de nivelación del italiano Prueba de nivelación de Italianoprueba tu nivel de italiano
Test de nivelación del italianoTest de nivelación del italiano Test de nivelación del italiano

 

2) Prueba de nivelación de Italiano - Scegli una delle due immagini e descrivila

Test de nivelación del italianoTest de nivelación del italiano

 

3) Prueba de nivelación de Italiano - Leggi a tua scelta uno dei due brani e rispondi alle rispettive domande

BRANO N.1, La rana e il bue

Un giorno una rana vede un bue in un prato. Invidiosa della grandezza del bue, inizia a gonfiare la sua pelle piena di rughe.

Poi la rana va dai suoi figli e chiede loro se sia diventata più grande del bue. Loro rispondono di no. Allora la rana comincia a gonfiarsi di nuovo e torna a chiedere ai figli se almeno questa volta sia diventata più grande del bue.

Loro le rispondono: "il bue è ancora più grande di te".

La rana allora decide di provare di nuovo. Si gonfia così tanto che ad un certo punto scoppia. Si sente un grande colpo e muore.

 

DOMANDEVERO/FALSO
La rana vuole diventare più grande del bue
Il bue è più grande della rana
La rana gonfia il suo corpo per diventare più grande
I figli della rana dicono alla rana che è un animale molto piccolo
La rana va a parlare con i suoi genitori
La rana scoppia dopo essersi gonfiata troppo

 

BRANO N.2, Partiamo dalla pizza!

A TORINO. Trasferirsi da Roma a Torino ha voluto dire molte cose. Una di queste, forse non la più importante ma sicuramente una delle più interessanti, è quella di essere entrata in contatto con un diverso modo di intendere la pizza e tutto ciò che ad essa ruota intorno.

Innanzitutto a Torino c'è l'abitudine di accompagnare la pizza con la farinata, una sorta di torta bassa e molto croccante, fatta con farina di ceci, sale, acqua e olio di oliva. Il colore è giallastro e per consumarla si aggiunge, volendo, del pepe. Di solito si mangia in compagnia e si usa dividere il piatto con altre persone.

Altra particolarità torinese è la pizza al padellino, una pizza cotta in un piccolo tegamino di metallo. Si tratta di una pizza molto più piccola di quelle che si è abituati a vedere, leggermente più alta e soffice. E’ molto frequente imbattersi in pizzerie che propongono farinata come antipasto e la pizza al padellino come piatto principale.

A Torino, strano ma vero, è possibile mangiare anche "la Vera Pizza Napoletana". Diversi sono i pizzaioli napoletani che si sono trasferiti a Torino negli ultimi anni e che sono in grado di fare una pizza napoletana con i fiocchi: pizza tonda, bassa, bordi alti e croccanti. A quanto pare il rigonfiamento del cornicione è dovuto all'aria che durante la manipolazione dell'impasto si sposta dal centro verso l'esterno. La Pizza Napoletana, sia detto per inciso e per dovere di cronaca, nella più stretta tradizione partenopea, prevede solo due varianti: la Pizza Margherita a base di pomodoro, mozzarella di bufala campana DOP o Fior di Latte, basilico e olio extra vergine d'oliva, e la Pizza Marinara, a base di pomodoro, origano aglio e olio extra vergine di oliva.

Ma cosa intendono i Romani con l'espressione "Pizza Napoletana" e i Napoletani con l'espressione "Pizza Romana"? Esattamente la stessa cosa! E' molto interessante sapere come, sia gli uni che gli altri, utilizzino nei loro menu le rispettive espressioni per indicare una pizza che aggiunge le acciughe (a Roma dette alici) alla tradizionale Margherita.

A ROMA. Torniamo però alle differenze tra Roma e Torino rispetto alla pizza. Abbiamo parlato poco fa delle abitudini torinesi, vediamo cosa succede a Roma. A Roma innanzitutto la pizza è sottile e, come dicono i Romani, scrocchiarella, cioè molto croccante, e quasi bruciacchiata sul bordo. Di solito é preceduta dalle bruschette, che sono delle fette di pane abbrustolito cosparse di aglio, olio, e, volendo, pezzetti di pomodoro, e dai supplì, crocchette di riso fritte nell'olio con un piccolo pezzetto di mozzarella al centro.

Altra caratteristica tipicamente romana è "la pizza al taglio". E' molto frequente camminare per le strade di Roma ed imbattersi in negozi che vendono appunto pezzi di pizza tagliati sul momento che vengono pagati non in base al formato come a Torino ma in base al peso. Si tratta normalmente di forni o di negozi che vendono di solito prodotti alimentari.

La pizza al taglio di solito è "bianca" o "rossa", "Me dà du etti de pizza bianca e quella striscetta de pizza rossa là ‘n fondo?", così vi può capitare di sentir dire ai Romani quando vanno a comprare un pezzo di pizza al taglio.

 

DOMANDEVERO/FALSO
La farinata è una pizza di colore biancastro.
La farinata è un piatto tipico napoletano esportato a Torino negli ultimi anni.
Il prezzemolo è uno degli ingredienti fondamentali della pizza napoletana.
La pizza napoletana per i romani è la pizza romana per i napoletani.
La pizza a Roma è molto più sottile della pizza che si può mangiare a Torino.
Sia a Torino e a Roma è possibile mangiare la pizza al taglio.

 

4) Prueba de nivelación de Italiano - Scegli tra uno dei due titoli e scrivi una breve email

prueba tu nivel de italianoRacconta ad un amico le tue impressioni sull'ultimo film che hai visto. prueba tu nivel de italiano Racconta ad un amico quale è stato il viaggio più bello che hai fatto nella tua vita.

 

5) Prueba de nivelación de Italiano - Grammatica

Inserisci l'articolo opportuno (il, lo, la, i gli, le, uno, una, un, un').

1. Nella mia camera c'è ___ armadio.
2. ___ mia macchina è gialla.
3. Stasera andiamo a vedere ___ film giapponese.
4. L'Italia è ___ paese molto bello.
5. ___ mio compleanno è il 16 Ottobre.

 

Coniuga i verbi che trovi tra parentesi al passato prossimo scegliendo l'ausiliare opportuno (essere o avere)

1. Ciao Marco, ciao Silvia. Come (andare) ____________ le vostre vacanze in Giappone?
2. Benissimo, ci (divertirsi) ____________ moltissimo!
3. Ci (andare) ____________ da soli?
4. No, (venire) ____________ anche due nostri amici americani, si chiamano Sharon e Stanley.
5. Cosa (fare) ____________ di bello?

 

Completa con i pronomi opportuni (diretti, indiretti, partitivi)

1. Hai fame? Sì, ______ ho molta.
2. Vi piacciono gli animali? Sì, ______ piacciono moltissimo.
3. Marta, capisci l’inglese? Sì, ______ capisco ma non ______ parlo.
4. Per chi fai questo maglione? ______ faccio per un amico.
5. Quanti libri leggi in un anno? ______ leggo una decina.

 

Inserisci i pronomi relativi opportuni con o senza preposizione

1. La persona ____________ ti ho parlato si chiama Chiara.
2. Il libro ____________ mi hai regalato è molto bello
3. Il motivo ____________ ti scrivo è molto semplice: ho finito i soldi.
4. La notizia ____________ dovreste aver già sentito è questa: mi sposo
5. Non ci sono persone ____________ mi fidi particolarmente.

 

Coniuga i verbi che trovi tra parentesi nel modo e nel tempo opportuni.

1. Non sapevo che tu mi (aspettare) ____________ in ufficio, nessuno me lo ha detto.
2. Nonostante (noi) (bere) ____________ un pò troppo, ci sentivamo benissimo.
3. Abbiamo deciso di partire malgrado (nevicare) ____________ tutta la notte.
4. Devo telefonare ad Antonietta prima che (partire) ____________ .
5. Sta per piovere, è meglio che tu (prendere) ____________ l'ombrello.

 

* * * FIN DE PRUEBA * * *

 

Su nombre (obligatorio)

 

Su Email (obligatorio)

 

Por favor, autorice el tratamiento de sus datos personales conforme a las disposiciones de la ley aplicable (D. lsg. 30 de junio 2003, n. 196):

Estoy de acuerdo.